Arte e linguaggi visivi Arte e linguaggi visivi

Imparo sul Web

Per accedere inserisci username e password

Se non sei registrato scopri cos'è ImparosulWeb la proposta di risorse digitali Loescher.

Se sai già cos'è ImparosulWeb puoi procedere direttamente alla registrazione tramite il seguente collegamento:
Registrati
indietro
Materiale Didattico

Paesaggio geografico e paesaggio culturale


In geografia, il paesaggio è definito come il complesso di elementi che costituiscono i tratti fisionomici di una porzione della superficie terrestre.

Il paesaggio è però anche «componente essenziale del contesto di vita delle popolazioni, espressione della diversità del loro comune patrimonio culturale e naturale e fondamento della loro identità». In quanto tale, merita un’attenzione particolare per la sua conservazione e salvaguardia, oltre che per il suo recupero, la riqualificazione e la valorizzazione. Si muove in questa direzione la Convenzione Internazionale dell’UNESCO, quando nel 1992 introduce il concetto di paesaggio culturale, considerato come rappresentazione dell’opera combinata della natura e dell’uomo, specificandone tre categorie principali:



I paesaggi costruiti dall’uomo (come giardini e parchi)

Il parco mediceo di Pratolino, villa Demidoff, in Toscana

- Il parco mediceo di Pratolino, villa Demidoff, in Toscana -

 


I paesaggi organicamente creati (come un sito archeologico), o un paesaggio continuo
(come terreni agricoli)

Il parco archeologico comunale di Sonico (BS)

- Il parco archeologico comunale di Sonico (BS) -

Il parco del Delta del Po- Il parco del Delta del Po -



I paesaggi culturali associativi, come i Sacri Monti

Il sacro monte di Oropa, Biella

- Il Sacro Monte di Oropa, Biella -

 



A livello regionale i medesimi obiettivi sono esplicitati e tradotti in politiche pratiche dei singoli Stati.
Citiamone alcune:

. la Convenzione di Berna del 1979 si prefigge la tutela degli habitat specifici di specie animali e vegetali (www.minambiente.it/pagina/convenzione-di-berna)


. la Convenzione di Salisburgo del 1991 (in collaborazione sovranazionale tra Italia, Francia, Germania, Liechtenstein, Svizzera, Principato di Monaco, Slovenia e Comunità Europea)., e il successivo protocollo di Chambery del 1994, stabiliscono e regolamentano la protezione della natura e del paesaggio alpino.


. la Convenzione di Granada per la tutela del patrimonio architettonico d’Europa, del 1985, che impone la tutela del patrimonio architettonico come espressione irripetibile della ricchezza e della diversità del patrimonio culturale d’Europa.


. la Convenzione de La Valletta, del 1992, per la tutela del patrimonio archeologico, come fonte della memoria collettiva europea. Nel 2004 la Convenzione Europea del Paesaggio riafferma e sintetizza il concetto di paesaggio come risorsa fondamentale del patrimonio comune, culturale e naturale, dei popoli europei. Esprime il diritto dei popoli di vivere in un paesaggio di qualità e auspica il ruolo attivo dei cittadini nelle decisioni concernenti il paesaggio, la sua protezione, conservazione e gestione.


PER SAPERNE DI PIÙ:

www.convenzioneeuropeapaesaggio.beniculturali.it

www.istat.it/en/files/2013/03/9_Paesaggio-e-patrimonio-cult.pdf

www.provincia.fi.it/pratolino

www.parcodeltapo.it

www.sacromontedioropa.it

www.proloco.sonico.bs.it

Ti potrebbero interessare anche


Su questo sito usiamo i cookie. Se continui a navigare, lo fai secondo le regole spiegate qui. Altrimenti puoi consultare le preferenze sui cookie e decidere quali attivare.

Personalizza Cookie

Cookie tecnici sono assolutamente essenziali per il corretto funzionamento del sito web. Questi cookie garantiscono le funzionalità di base e le caratteristiche di sicurezza del sito web.

Sempre attivi


Cookie statistici ci aiutano a capire come gli utenti interagiscono con i siti web Loescher, raccogliendo dati di navigazione in forma aggregata e anonima.

Cookie per pubblicità mirata, possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.