Sblocca

logout

Inserisci qui sotto il codice di sblocco

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque consequat odio vel dolor volutpat et varius ligula tristique. Curabitur lacinia porttitor lorem, non venenatis massa molestie sed. Etiam nunc tellus, tempus a sagittis eu, egestas non lorem. Etiam adipiscing, turpis eu consectetur vestibulum
imparosulweb

Arte e linguaggi visivi

Imparare a vedere è il tirocinio più lungo in tutte le arti. (Flli De Goncourt, 1850 ca)

Il portale di Disegno, Arte e Immagine Leggi tutto

Parola d’Autore: La prima esposizione universale del XX secolo, Torino 1902

Parola d’Autore: La prima esposizione universale del XX secolo, Torino 1902

Leonardo Bistolfi, Manifesto per L'Esposizione, Torino 1902.


Leonardo Bistolfi, Manifesto per L'Esposizione, Torino 1902.



Parola d’Autore: La prima esposizione universale del XX secolo, Torino 1902

« Vorremmo che questa nostra esposizione avesse un carattere completamente nuovo, vorremmo cioè fornire ai visitatori non lo spettacolo di un’accolta di oggetti varii di destinazione e stile, ma una serie di complessi decorativi, di ambienti completi, rispondenti ai veri bisogni delle nostre esistenze; e vorremmo che questa mostra organica di arredi non avesse soltanto di mira un aristocratico carattere di eleganza e di bellezza d’arte, ma anche e soprattutto un carattere pratico e industriale. Vorremmo, in una parola, che artisti e fabbricanti non tendessero tanto alla creazione di pregevoli oggetti di lusso, quanto allo studio di tipi di decorazione completa, adatti a tutte le case e a tutte le borse e massime alle più umili, in modo da promuovere un reale, efficace e completo rinnovamento dell’ambiente ».


L. Bistolfi, D. Calandra, G. Ceragioli et al., Editoriale in «Arte decorativa moderna», 1. Torino, 1902.


Nel 1902 Torino, che tre anni prima era diventata il motore industriale d’Italia con la nascita della Fiat di Giovanni Agnelli, ospitò nel parco del Valentino e lungo il fiume Po i padiglioni dell’esposizione Internazionale di Arte Decorativa Moderna. A promuoverla erano stati un gruppo di artisti e critici d’arte tra cui gli scultori Leonardo Bistolfi e Davide Calandra, l’architetto Reycend, il critico Enrico Thovez. La complessa macchina dell’Expo puntava a farsi promotrice dell’esigenza di far conoscere al grande pubblico i nuovi prodotti e le nuove frontiere tecnologiche, per far assumere alla città e al Paese, cosa molto importante in un'epoca di forti nazionalismi, un ruolo economico e produttivo a livello internazionale. In questa esposizione, come nelle analoghe d'oltralpe che andavano organizzandosi in quegli anni così movimentati tra fine ‘800 e primi ‘900, si pensava alle arti decorative come un unicum che abbracciava tanto l'oggetto di uso quotidiano quanto l'arredamento urbano. La progettazione non riguardava più un solo ambito, ma investiva tutto l'oggetto del produrre: in una stanza da pranzo il progettista-artigiano-artista curava i tavoli e i soffitti come le tazze e i candelabri, in un palazzo l’architetto-progettista-artista curava il disegno dell'edificio e le ringhiere interne delle scale, fino alle maniglie delle porte. La novità principale, ancora attuale, è che viene ufficialmente invocato il  superamento della distinzione tra ciò che è utile e ciò che è arte. Non è più vero che ciò che è utile e pratico non possa anche essere “bello”: anche l'oggetto di uso quotidiano deve essere argomento di interesse artistico, per educare al bello strati sempre più vasti di popolazione. E questo naturalmente poteva essere fatto solo sensibilizzando la nascente industria a produrre per tutti (sostanzialmente per la media e piccola borghesia) prodotti disegnati non solo per uno scopo pratico, ma anche per compiacere l'occhio.

File da scaricare


  • Corso di disegno per la scuola secondaria di secondo grado
    Geometrie del bello

    Corso di disegno per la scuola secondaria di secondo grado

  • A colpo d'occhio Storia dell'arte e comunicazione visivaEdizione compattaSecondaria 1° grado
    A colpo d'occhio

    Storia dell'arte e comunicazione visiva
    Edizione compatta
    Secondaria 1° grado

  • La voce dell'arteCorso di discipline grafiche e pittoricheSecondaria 2° grado
    La voce dell'arte

    Corso di discipline grafiche e pittoriche
    Secondaria 2° grado

  • A colpo d'occhioSecondaria 1° grado
    A colpo d'occhio

    Secondaria 1° grado

  • Corso di discipline plastiche e scultoree per i bienni
    Il linguaggio plastico

    Corso di discipline plastiche e scultoree per i bienni

  • Corso di storia dell'arte per bienni e trienni in 3 e 5 volumi
    Chiave di volta

    Corso di storia dell'arte per bienni e trienni in 3 e 5 volumi